Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Grosso guaio in Alabama

Cos’è successo in Alabama?
Per capirlo, innanzitutto sarebbe utile rammentare che durante le primarie Trump non appoggiò lo sconfitto Roy Moore, ma un altro candidato, Luther Strange. Per una volta, Trump aveva cercato di stare fuori dalla guerra civile dentro al Partito Repubbkicano di cui era stato principale protagonista nel 2016, e ciò al fine di preservare gli ondivaghi legami con i membri repubblicani al Congresso, il cui appoggio è indispensabile per mandare avanti l’agenda legislativa.
Roy Moore, lo sconfitto in Alabama, era uomo di Steve Bannon. Le suppletive per il seggio senatoriale sono state un test decisivo per l’insurrezione che Bannon vuole capeggiare contro l’establishment del Partito Repubblicano. Erano più una sfida tra Bannon e il Partito Repubblicano, che tra il Partito Repubblicano e quello Democratico.
Per questo il Partito ha appoggiato Moore nello stesso modo in cui ha appoggiato, dopo la nomination, Trump  nel 2016: in maniera insincera, scappando durante la tem…

Ultimi post

Bitter battlefield Alabama

Ancora su Trump e Gerusalemme: non si era mai visto un Presidente che mantiene le promesse elettorali

Su Gerusalemme Trump vuole realizzare ciò che il Congresso ha deciso ventidue anni fa

Il “Russia gate” fa un’altra “vittima”: tra i giornalisti

Perchè il generale Flynn ha patteggiato?

Chi va a studiare all’estero durante le superiori ha una marcia in più: un piccolo aneddoto

Per vincere, occorre mentalità vincente. E il calcio italiano l’ha persa.

Un anno dalla vittoria di Trump

Un’altra “teoria” confermata: Hillary stava così male che il Partito Democratico ha cercato un sostituto a due mesi dalle elezioni

Come Hillary ha “vinto” le primarie democratiche, e perso le elezioni